Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2013

La Jornada – Sabato 30 marzo 2013

La Corte si pronuncerà sulla richiesta di restituzione delle terre agli indigeni del Chiapas. Sarebbe la prima sentenza sul diritto di quei popoli al territorio

Hermann Bellinghausen

 Questo lunedì, la Suprema Corte di Giustizia della Nazione (SCJN) si pronuncerà sul ricorso dell’ejido di Tila, nella zona nord del Chiapas, per la restituzione delle terre alienate dal governo del Chiapas mezzo secolo fa. Potrebbe essere la prima volta che la Corte si pronuncia sul diritto dei popoli indigeni a terra e territorio, sostiene Simón Hernández León, avvocato del Centro dei Diritti Umani Miguel Agustín Pro Juárez (Centro Prodh) che segue il caso nella capitale della Repubblica.

In un’intervista con La Jornada, espone la portata di una possibile decisione favorevole: “All’interno della Corte esistono resistenze a considerarla una questione ‘indigena’, perché, temono alcuni giudici, aprirebbe un dibattito politico, non di territorio. Ma in questo caso non si discute di autonomia o autodeterminazione dei popoli”. Certamente, questo è stato il principale scoglio affinché la SCJN accettasse i ricorsi di riconoscimento costituzionale dei precetti autonomistici dei popoli.

Hernández León spiega che il plenum della SCJN inizierà la discussione dell’incidente de inejecución 1302/2010, relativo al ricorso presentato dall’ejido di Tila contro l’esproprio illegale di 130 ettari. Il progetto è stato elaborato dal giudice Olga Sánchez Cordero. Ricorda che l’ejido ha vinto il ricorso contro il decreto 72 col quale il Congresso del Chiapas voleva sottrarre le terre.

La Corte interviene di fronte al rifiuto delle autorità dello stato di applicare la sentenza. Analizzerà le conseguenze della concessione del ricorso e potrà decidere sula sua applicazione. Già il giudice primo di distretto aveva deciso di annullare il decreto 72 e gli atti di esecuzione che implicano la disponibilità materiale della superficie.

La SCJN può stabilire che il ricorso vinto avrà solo effetti declaratori nell’annullare la sentenza, oppure confermare il criterio del giudice che ha considerato anche la restituzione fisica e materiale a favore dell’ejido. Il Prodh sostiene che la Corte deve determinare che la conseguenza della sentenza del ricorso è la restituzione della superficie sottratta. Come tribunale costituzionale può sviluppare il contenuto dei diritti previsti all’articolo 2 costituzionale ed usare i trattati internazionali sui popoli indigeni, i quali hanno rango costituzionale. Il caso mostra il debito storico dello Stato verso i popoli indigeni. Il tribunale e lo Stato devono riconoscere i popoli indigeni come soggetto politico emarginato nel processo storico di costruzione della Nazione, e soggetto collettivo di diritto. Di fronte al colpevole silenzio di decenni, è tempo di rivendicare i diritti dei popoli indigeni.

La decisione della SCJN stabilirebbe un precedente storico e può sviluppare criteri sulla dimensione culturale e la forma particolare in cui i popoli si relazionano e vivono nel territorio. Dovrà, secondo l’organismo, considerare il carattere plurinazionale dello Stato messicano e sotto questa premessa affrontare la risoluzione del caso, considerando gli elementi storici e la particolarità culturale del popolo chol, e garantire la restituzione affinché sia l’ejido, mediante la sua assemblea generale, ad amministrare i beni.

Rodolfo Stavenhagen, ex relatore per i popoli indigeni alle Nazioni Unite, ha presentato alla SCJN un memoriale amicus curiae (amici della Corte) che racconta la storia e la dimensione antropologica dell’ejido e del popolo chol. In un altro amicus curiae, il Prodh ha affrontato il diritto dei ppoli, proponendo la sua incorporazione nella sentenza.

La Corte Interamericana si è riferita alla sua dimensione culturale: Per le comunità indigene la relazione con la terra non è meramente una questione di possesso e produzione, bensì un elemento materiale e spirituale di cui devono godere pienamente, compreso per preservare il loro lascito culturale e trasmetterlo alle generazioni future. La cultura dei membri di queste comunità corrisponde ad una forma di vita particolare di essere, vedere ed agire nel mondo, costituito a partire dalla loro stretta relazione con i loro territori tradizionali e le risorse ivi presenti, non solo per essere questi il loro principale mezzo di sussistenza, ma anche perché costituiscono un elemento integrante della loro cosmovisione, religiosità e, infine, della loro identità culturale.

Il Prodh conclude il suo messaggio alla SCJN: Anche quando i popoli indigeni perdono parziale o totalmente il possesso del territorio, mantengono il loro diritto di proprietà sullo stesso ed hanno un diritto superiore per recuperarlo. La restituzione del pieno godimento ed esercizio di questi diritti deve essere il meccanismo prioritario e non può essere sostituito da un’indennità come dispone la Ley de Amparo. Il Prodh rileva l’insufficienza delle leggi Agraria e di Difesa per tutelare il diritto alla proprietà collettiva dei popoli e comunità indigene e la loro protezione giurisdizionale. La SCJN dovrà interpretarle mediante l’applicazione dei trattati che contemplino i diritti dai popoli indigeni. http://www.jornada.unam.mx/2013/03/30/politica/007n1pol

(Traduzione “Maribel” – Bergamo)

Read Full Post »

CFE provoca scontri.

La Jornada – Giovedì 28 marzo 2013

Comunità accusano la CFE di provocare scontri nel nord del Chiapas

Hermann Bellinghausen

Comunità in resistenza e membri dell’organizzazione Pueblos Unidos por la Defensa de la Energía Eléctrica (PUDEE), aderenti alla Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona di Tila, Sabanilla, Tu,balá e Salto de Agua, denunciano il clima di scontro all’interno delle comunità provocato dalla Commissione Federale di Elettricità (CFE) nella zona nord del Chiapas. 

Da gennaio, raccontano, il personale della CFE, guidato da Bruno Herrera Monzón, funzionario per le riscossioni di Yajalón, è stato in tutte le comunità nel tentativo di convincere le autorità ejidali, funzionari rurali e rappresentanti delle comunità in resistenza, a convocare riunioni per informare che a partire da quest’anno cominceranno a pagare i le bollette dell’energia elettrica.

A chi ha debiti da molti anni saranno installati dei contatori per, secondo la CFE, offrire un servizio di qualità. Si offre anche la possibilità all’utente di pagare i suoi debiti in cinque anni. 

La CFE informa di voler installare contatodi digitali e nuove apparecchiature per tenere sotto controllo il servizio elettrico. L’organizzazione PUDEE, che raggruppa proprio le comunità che da anni si oppongono agli abusi dell’ente parastatale ed ai successivi programmi governativi volti a darli desistere dalle loro richieste, dice: ci vogliono controllare e rubare sfacciatamente il servizio.

Le azioni della commissione in alcune comunità provocano degli scontri, perché le autorità ejidali ed i funzionari rurali stanno accettando questi inganni. Diciamo inganni perché non è la prima volta che lo fanno attraverso programmi come Luz Amiga, tarifa de Vida Mejor o Luz Solidaria; ora ci viene a dire che abbiamo cinque anni per saldare i debiti, ma non dicono quanto pagherò e quanto ruberanno. PUDEE sottolinea: i nostri compagni non vogliono pagare finché non saranno attuati gli Accordi di San Andrés Larráinzar. 

Respingendo queste offerte, le comunità e le famiglie in resistenza sono minacciate di perdere la fornitura elettrica. Se non firmeranno l’accordo, saranno sospesi i benefici dei programmi governativi e le ricevute di pagamento delle bollette saranno il requisito indispensabile per sbrigare pratiche amministrative col governo.

Ciò causa dissenso tra chi vuole pagare, che viene manipolato, e chi si oppone. “Ci dicono continuamente che: ‘chi non paga le imposte è un irresponsabile’ ‘e lo è anche chi non paga la luce e l’acqua, e non accetta programmi né vota”‘.

L’organizzazione PUDEE, composta in maggioranza da comunità chol, sostiene: non è più irresponsabile quello che paga le imposte che poi vanno alle imprese straniere che mantengono questo sistema di esclusione e riempiono le pance degli alti burocrati? Non sono più irresponsabili quelli che alimentano col loro voto questa farsa che sono le elezioni? 

Sostiene: in realtà, un cittadino responsabile non vota in queste elezioni, non paga imposte, né luce né acqua. Finché continuiamo a pensare secondo i parametri del sistema, continueremo ad essere schiavi di una banda di miliardari. Viviamo schiavi della falsa informazione, con la quale i media di massa hanno molto a che vedere. La libertà, come gli altri diritti umani, è una questione sociale, di persone.

Infine, avverte che “nella Costituzione non è proibito organizzarsi per difendere questo paese; non bisogna nemmeno chiedere permesso per praticare l’autodeterminazione dei popoli, lottare e resistere. I malgoverni ci hanno forse chiesto il permesso di essere corrotti o per le riforme costituzionali, affinché i governanti siano legati al narcotraffico? Ci hanno forse chiesto il permesso per la firma del Pacto por México? L’unica cosa che ci hanno chiesto è il voto corporativo ed ora che godono del potere non c’è speranza di migliorare le condizioni di vita nelle campagne e nelle città”. http://www.jornada.unam.mx/2013/03/28/politica/010n1pol

(Traduzione “Maribel” – Bergamo)

Read Full Post »

Frayba: Patishtán a digiuno per la sua libertà.

Dal carcere No. 5 di San Cristóbal de Las Casas, Chiapas Alberto Patishtán prigioniero politico della Voz del Amate annuncia di essere da 4 giorni a digiuno allo scopo di chiedere alle autorità federali del Consejo de la Judicatura federal e del Primer Tribunal colegiado de Vigésimo Circuito de Chiapas, di rilevare e risolvere il suo riconoscimento di innocenza.

Via @chiapasdenuncia: En ayuno Alberto Patishtán por su Libertad hoy lleva 4 días

Lettera di Alberto Patishtán: Link

Read Full Post »

La Jornada – Sabato 23 marzo 2013

 

Il Massacro di Simojovel

Cronaca di un massacro di poliziotti (quasi) dimenticato

Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de las Casas, Chis. 22 marzo. La notorietà raggiunta dalla lotta di Alberto Patishtán Gómez per la libertà ha impedito che il crimine che ha causato la sua personale disgrazia di 12 anni di prigione (e, secondo la sentenza ne mancano altri 48) fosse dimenticato, cosa che sicuramente ha contrariato molte autorità, almeno statali, dal 2000 ad oggi, dopo quattro governatori letteralmente di tutti i partiti. Che cosa successe la mattina del 12 giugno del 2000 a Las Lagunas de Las Limas, Simojovel? Quale il movente? Che cosa stava succedendo in quei giorni da quelle parti?

L’omicidio di sette poliziotti – il comandante Francisco Pérez Morales, cinque agenti ai suoi ordini ed il comandante municipale di El Bosque, Alejandro Pérez Cruz – rappresentava un fatto di enorme gravità. Oggi forse ci siamo abituati a notizie di questo genere, ma allora, perfino nel Chiapas militarizzato e paramilitarizzato, questo risultava un fatto straordinario. Ovviamente, la notizia finì sulle prime pagine di tutti i giornali.

Dopo tre settimane si sarebbero svolte le elezioni nelle quali il PRI avrebbe perso la Presidenza, ed in agosto il governatorato. Il presidente Ernesto Zedillo, storicamente e personalmente coinvolto nella guerra contro gli indigeni del Chiapas in generale, e quelli di El Bosque in particolare, si preparava a visitare l’entità martedì 13 per inaugurare una strada nella Selva Lacandona, ma sospese la visita. Il candidato priista a governatore, Sami David, pensò ai suoi affari. L’Esercito federale inviò centinaia di effettivi, occupò il luogo dell’imboscata, la città, le strade e fece incursioni nelle comunità zapatiste. Tuttavia, la prima ipotesi della Segreteria della Difesa Nazionale fu che poteva trattarsi di “una cellula dell’Esercito Popolare Rivoluzionario (EPR)” (La Jornada 13/06/2000), cosa che sorprese molto perché né allora né mai l’EPR è stato presente nella zona.

Più credibile sembrò l’ipotesi, diffusa lo stesso giorno, della Central Independiente de Obreros Agrícolas y Campesinos (CIOAC), storicamente presente nella regione: potevano essere stati i “paramilitari” del Mira (anche se visto in prospettiva, il gruppo paramilitare a El Bosque, temibile e letale, era conosciuto come Los Plátanos, dal nome della comunità in cui vivevano i suoi membrid, insieme a poiziotti judiciales, da dove erano partiti il 10 1998 per partecipare al massacro di zapatisti a Unión Progreso; a Los Plátanos, io stesso ero stato presente, mesi prima dell’imboscata, ad “una distruzione mediatica” di coltivazioni di marijuana col pretesto, alla fine fallito, di accusare l’EZLN.

La polizia federale inizialmente parlò di narcotrafficanti; non era un mistero il passaggio di marijuana proveniente da Huitiupán.

Il massacro avvenne un lunedì. Il sabato precedente gli zapatisti aveva commemorato il secondo anniversario dei fatti di Unión Progreso e Chavajeval e l’arresto delle autorità autonome di San Juan de la Libertad. Diego Cadenas, allora giovane avvocato del Frayba, il giorno dell’imboscata dichiarò a La Jornada che quel 10 giugno, mentre si stava recando ad Unión Progreso per partecipare alle cerimonie religiose per il secondo anniversario del massacro del 1998, ai posti di blocco di Puerto Caté e San Andrés Larráinzar i militari gli dissero che erano “sospese le garanzie individuali”. Non era così.

Due giorni dopo, un commando di 10 o 15 individui, con equipaggiamento ed armi di grosso calibro, tese un’imboscata al pick up verde scuro su cui viaggiavano, provenienti da Simojovel, otto poliziotti e l’autista del municipio di El Bosque, minorenne e figlio del sindaco Manuel Gómez Ruiz. Il giovane Rosemberg Gómez Pérez, che guidava il veicolo con i due comandanti in cabina, e l’agente di Pubblica Sicurezza Belisario Gómez Pérez nel rimorchio con i suoi commilitoni, gravemente feriti e creduti morti dagli aggressori, sarebbero sopravvissuti e quindi gli unici testimoni oculari.

La Jornada scriveva che nel corso del 2000 questa era “l’ottava imboscata”; gli aggressori avevano già lasciato 20 morti ed un ugual numero di feriti. I poliziotti caduti a Las Lagunas erano Francisco Escobar Sánchez, Rodolfo Gómez Domínguez, Guadalupe Margarito Rodríguez Félix, Arbey Vázquez Gómez e Francisco Pérez Mendoza. Oggi due di loro sono ancora ricordati da due croci di cemento sulla curva dove furono crivellati di colpi. Si contarono 85 colpi di AK-47 e R-15.

L’EZLN si dissocia e indaga

Il giorno dopo l’imboscata, il Comitato Clandestino Rivoluzionario Indigeno, Comando Generale dell’EZLN emise un breve comunicato: “Secondo i dati raccolti, l’attacco è avvenuto con tattiche da narcotrafficanti, paramilitari o militari. L’uso del cosiddetto ‘colpo di grazia’ è ricorrente in questi gruppi armati. L’attacco è avvenuto in una zona satura di truppe governative (Esercito e polizia), dove è molto difficile che un gruppo armato possa muoversi senza essere scoperto e senza la complicità delle autorità. Il gruppo attaccante possedeva informazioni privilegiate sui movimenti e sul numero di persone imboscate. Una tale informazione può essere ottenuta solo da persone del governo o vicine ad esso”.

Il comando ribelle segnalava: “L’EZLN sta investigando per fare luce sull’identità e sui motivi del gruppo aggressore. Tutto indica che sarebbero del governo (o con il sostegno governativo) le persone che hanno compiuto l’aggressione, poiché in questo modo avrebbero il pretesto per aumentare la militarizzazione in Chiapas, e per giustificare l’attacco contro comunità zapatiste o l’EZLN. È da notare che questo fatto rafforza il clima di instabilità di cui minaccia il candidato ufficiale se non vincerà”.

“Provocazione o no, il fatto violento è già diventato un pretesto per aumentare la presenza militare in tutto lo stato, perfino in zone molto lontane dal luogo dell’aggressione”, aggiunge il comunicato (13/6/2000), dettagliando che “nelle ultime ore si sono rafforzati i quartieri federali di Guadalupe Tepeyac, a Las Margaritas; Cuxuljá, Ocosingo; Caté, a El Bosque, e le città di Simojovel ed El Bosque. Contemporaneamente si è incrementato il numero di aerei da guerra e sorvoli nelle zone Altos, selva e nord”. E infine, “l’EZLN si dissocia da questo atto e rivolge un appello all’opinione pubblica affinché non si lasci ingannare”.

La cattura di Patishtán

Ciò nonostante, il governo statale di Roberto Albores Guillén, attraverso il suo procuratore Eduardo Montoya Liévano, spinse subito l’ipotesi che gli aggressori potessero essere zapatisti, per la presunta vendetta per il massacro contro di loro ordinato dallo stesso Albores Guillén due anni prima, anche se ammise che avrebbero potuto essere degli “assalitori”. Il convoglio attaccato, si disse, pattugliava per “combattere i pistoleros“.

Il senatore Carlos Payán Velver, membro della Cocopa, propose che l’istanza legislativa si recasse sul luogo perché la situazione era “grave e critica”. Il deputato Gilberto López y Rivas, della Cocopa, segnalò che quell’imboscata aveva tutto l’aspetto di “una provocazione dei paramilitari fomentata dal governo stesso dello stato” (La Jornada 14/6/2000).

Nella stessa data, Victor Manuel Pérez López, dirigente della CIOAC, rivelò che il governo del Chiapas nel 1997 armò e finanziò “dissidenti del Partito del Lavoro” per combattere il fugace governo municipale di quel partito e della CIOAC. “Nella zona tutti sanno chi sono”, disse, e che “una volta centrato l’obiettivo” di restituire al PRI il comune, “questi si sarebbero dedicati agli assalti e al narcotraffico”. Agiscono, aggiunse, “in completa impunità, in pieno giorno, anche se militari e poliziotti realizzano pattugliamenti frequenti”.

Allora, in due imboscate precedenti, erano state assassinate quattro persone, secondo la CIOAC “basi zapatiste”. Il 13 gennaio, sulla strada per Chavajeval, fu assassinato Martín Sánchez Hernández da incappucciato armati, e poi, il primo febbraio, Rodolfo Gómez Ruiz, Lorenzo Pérez Hernández e Martín Gómez. Tutti tzotzil.

Deputati del PRD e del PAN accusarono di negligenza il segretario di Governo Mario Lescieur Talavera, e dissero che l’imboscata era il pretesto per l’invio di ulteriori elementi della Polizia Federale Preventiva. I carri armati, gli elicotteri e l’artiglieria dell’Esercito federale erano già arrivati.

L’episodio usciva allo scoperto. Urgeva correre ai ripari. Il governo credette di riuscirci, cosicché il presidente Zedillo il 19 giugno si recò a Marqués de Comillas per inaugurare una strada. Quello stesso giorno a El Bosque, l’Esercito e la PFP catturarono, senza mandato di cattura, il maestro Alberto Patishtán Gómez. Un gruppo di abitanti, membri del PRI, “visibilmente emozionati” (La Jornada, 20/6/2000) sollecitarono l’intervento del Congresso statale sostenendo che il prigioniero era innocente, “si dissociarono dai fatti violenti del 12 giugno” e dichiararono di non essere armati né di appartenere a nessun gruppo paramilitare. Non furono ascoltati, anzi, furono minacciati.

Patishtán rimase illegalmente “in stato di fermo” per un mese nell’hotel Safari di Tuxtla Gutiérrez. I suoi parenti, amici e correligionari occuparono la presidenza municipale e chiesero la liberazione del professore. Neanche il loro stesso partito li appoggiò. E non solo. L’allora deputato priista Ramiro Miceli Maza, compadre del sindaco, cioè padrino di battesimo del giovane Rosemberg, risultò un elemento chiave nello spaventarli ed accusare il maestro e leader comunitario che finì nella prigione di Cerro Hueco.

Quel 19 giugno, pronunciandosi rispetto alle imminenti elezioni del 3 luglio 2000, il subcomandante Marcos scrisse: “Nel frattempo qua stiamo tremando. E non perché ‘el croquetas‘ Albores abbia ingaggiato Alazraki per rifarsi l’immagine (probabilmente Albores cerca un posto per promuovere cibo per cani), né per i seicentomila dollari che gli verserà (soldi destinati originalmente a ‘risolvere le condizioni di povertà ed emarginazione degli indigeni chiapanechi’, Zedillo dixit). Neanche per i latrati del ‘cucciolo‘ Montoya Liévano (sempre più nervoso perché si sta scoprendo che sono stati i suoi ‘ragazzi ‘- cioè, i suoi paramilitari – i responsabili dell’attacco alla Pubblica Sicurezza a El Bosque, il 12 giugno scorso). No, stiamo tremando perché siamo zuppi di pioggia. E tra elicotteri e temporali, non si trova un buon riparo”.

Ora contro gli zapatisti

Il 10 luglio seguente, passate le elezioni federali, un mese dopo l’imboscata, la polizia statale fermò a Bochil due basi di appoggio dell’EZLN residenti ad Unión Progreso, con l’accusa di aver partecipato al crimine. Questo, anche se la Procura Generale della Repubblica sostenesse che gli attaccanti erano un gruppo di priisti dissidenti, tra i quali Patishtán; queste due basi zapatiste da mesi lanciavano accuse al sindaco Manuel Gómez Pérez per la sua scandalosa corruzione.

La Procura Generale di Giustizia dello Stato (PGJE) seguiva le proprie linee di indagine. “Ricorrendo alla polizia distaccata a Los Plátanos, al corrente dei fatti, le autorità hanno raccolto prove del delitto a carico di due indigeni di Unión Progreso” (La Jornada, 15/7/2000). Uno di loro, Salvador López González, torturato e interrogato senza traduttore, firmò una confessione ad hoc e fu imprigionato. In prigione si trovò col suo coimputato: Patishtán. Senza nemmeno conoscersi, i due si portavano addosso tutto il peso dell’imboscata.

La Jornada scrisse da Unión Progreso: “Il distaccamento di polizia che ha fermato gli zapatisti ha avuto sotto gli occhi, per lungo tempo, le coltivazioni di marijuana che ci sono a Los Plátanos. La violenza interna in quel villaggio, controllato da un noto gruppo paramilitare, è sempre servita da pretesto per accusare ed attaccare i vicini zapatisti. Secondo il rappresentante di Unión Progreso, ‘ci accusano di quello che fanno loro’. L’Esercito federale è entrato a Los Plátanos per distruggere queste coltivazioni, le uniche scoperte nella regione. Almeno in due occasioni, e senza arrestare nessuno”.

Salvador e suo fratello Manuel “furono fermati” il 10 luglio; i loro familiari dichiararono: “Quelli della Pubblica Sicurezza (SP) li hanno denudati e picchiati fino a ridurre Salvador senza conoscenza”. Con gli arrestati c’erano un bambino (“che piangeva molto”) ed un adolescente che “ci vennero ad avvisare che avevano portato via i compagni”.

Siccome quelli della SP non erano di Bochil ma di El Bosque, “affittarono la prigione “. Poi i fermati furono portati a Cerro Hueco. “Quelli della SP gli misero addosso un pugno di marijuana e delle pallottole” e rubarono 28 lattine di bibite. Manuel sarebbe poi stato rilasciato.

Esattamente un mese prima, il 10 giugno, ore prima del massacro dei poliziotti, la SP acquartierata a Los Plátanos intercettò un camioncino di Unión Progreso. L’autista era lo stesso Salvador. Lo interrogarono “su una lista di nomi. Da quel momento volevano accusare i compagni”, dichiarò un rappresentante della comunità: “Non sappiamo quanti ce ne sono nella lista. Forse siamo accusati tutti”. (Curiosamente, quasi con le stesse parole avevano espresso lo stesso timore i correligionari di Patishtán quando questi fu arrestato).

Con due capri espiatori così simbolici come Alberto e Salvador, il caso cominciava ad essere “risolto”, o almeno dimenticato dai media nazionali.

(Traduzione “Maribel” – Bergamo)

Read Full Post »

CENTRO DEI DIRITTI UMANI FRAY BARTOLOME DE LAS CASAS

San Cristóbal de Las Casas, Chiapas, Messico
21 marzo 2013

Comunicato stampa No. 08

Lottando per la #LibertadPatishtan, festeggiamo il suo compleanno

9 aprile, 4 mila 686 giorni in prigione

Lo scorso mercoledì 20 marzo 2013, nella sede di questo Centro dei Diritti Umani, il Professor Alberto Patishtán (d’ora in avanti Patishtán), prigioniero politico in Chiapas, ha convocato per via telefonica una nuova tappa nella ricerca della giustizia e richiesta della sua libertà.

Dopo la sfortunata decisione della Suprema Corte di Giustizia della Nazione (SCJN) di non rilevare il caso, questo ora passerà al Primo Tribunale Collegiale di Tuxtla Gutierrez nel mese di aprile. Per tale motivo, la famiglia di Patishtán, Organizzazioni Civili, Collettivi e Persone riteniamo importante realizzare azioni per esigere la sua libertà.

Per questo invitiamo ad unirvi a questa iniziativa chiamata: Luchando por la #LibertadPatishtan, festejemos su cumpleaños.

Per questo proponiamo le seguenti azioni:

  1. Vogliamo raggiungere l’obiettivo di inviare 4 mila 686 lettere dal 21 marzo al 15 aprile, una lettera per ogni giorno che Patishtán ha trascorso in prigione, indirizzate al Presidente del Consiglio della Magistratura Federale, Juan N. Silva Meza ed ai giudici del Primo Tribunale Collegiale di Tuxtla Gutierrez (qui sotto trovate i modelli di lettera da inviare).

Potete inviare le vostre lettere ai seguenti indirizzi:

  1. Ministro Juan N. Silva Meza (modello lettera a Silva Meza)

Consejo de la Judicatura Federal

2.- Ai giudici del Primer Tribunal Colegiado del Vigésimo Circuito

(modello lettera ai giudici)

Inviare copia delle vostre lettere all’indirizzo: presoschiapas@gmail.com

Invitiamo inoltre a realizzare azioni attraverso le reti sociali:

  1. Su Facebook a partire da venerdì 23 marzo chiediamo di sostituire la foto sul vostro profilo con quella per la libertà di Alberto Patishtán. (l’immagine la trovate sulla Facebook di Alberto Patishtán www.facebook.com/alberto.patishtan) e vi invitiamo ogni venerdì ad invitare i vostri amici ad unirsi in questa azione.
  2. Su Twitter ogni venerdì vogliamo arrivare a 4 mila 686 Retwit per la #LibertadPatishtan; Iniziando questo 23 marzo, e continuando ogni venerdì, 29 marzo e 5, 12 e 19 aprile, fai un Retwit #LibertadPatishtan

Proponiamo che il # dell’iniziativa sia: #LibertadPatishtan

  1. Un’altra delle azioni proposte è che dal 21 marzo al 15 aprile inviamo una foto, una poesia, un pensiero, un disegno, un cartellone, eccetera, per la libertà di Patishtán, in commemorazione del suo 42° compleanno. Potete inviarli all’indirizzo presoschiapas@gmail.com o se volete, potete consegnarli materialmente al Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, calle Brasil No. 14 Barrio de Mexicanos, San Cristóbal de Las Casas, Chiapas, México, C.P. 29240.

Quello che manderete sarà esposto durante le mobilitazioni da realizzare il 19 aprile e poi consegnato a Patishtán come dimostrazioni di solidarietà e affetto.

  1. Per il 19  aprile, giorno del compleanno di Patishtan, invitiamoa ad azioni di mobilitazione pacifiche, in forma simultanea a livello nazionale ed internazionale, per chiedere la libertà di Patishtán.

Sarebbe importante consegnare fisicamente le lettere quel giorno negli spazi dedicati:

A Città del Messico (D.F) presso il Consejo de la Judicatura Federal, che controlla l’operato di magistrati e giudici in Messico, indirizzo: Insurgentes Sur No. 2417, San Ángel. Álvaro Obregón. C.P. 01000, México D.F.

A Tuxtla Gutiérrez al Primer Tribunal Colegiado del Vigésimo Circuito, nel Palazzo di Giustizia Federale edificio “C”, planta baja, ala “A”, Boulevard Ángel Albino Corzo N0. 2641.

A livello mondiale, si può manifestare e consegnare le lettere presso le ambasciate ed i consolati del Messico.

Vi chiediamo di informarci delle azioni che realizzerete il 19 aprile e di mandarci una foto e/o videoc all’indirizzo presoschiapas@gmail.com per informare i media nazionali ed il professor Patishtán di tutte le dimostrazioni di appoggio per la sua libertà.

Per maggiori informazioni sulla situazione del Professor Alberto Patishtán invitiamo a consultare il sito http://www.albertopatishtan.blogspot.mx dove si possono trovare informazioni sul suo caso e sulle azioni per la sua liberazione.

Audio di Patishtán nella Conferenza Stampa del 20 marzo 2013: http://www.goear.com/listen/176cb99/conferencia-nueva-etapa-acciones-libertad-patishtan-alberto-patihtan-

Centro de Derechos Humanos Fray Bartolomé de Las Casas, AC
BRASIL 14, BARRIO MEXICANOS, CP 29240. SAN CRISTÓBAL DE LAS CASAS, CHIAPAS, MÉXICO.
TELEFAX + 52 (967) 678 3548, 678 3551, 678 7395, 678 7396
www.frayba.org.mx,  frayba@frayba.org.mx

Read Full Post »

La Jornada – Giovedì 21 marzo 2013

Nuova campagna internazionale per la liberazione di Patishtán

HERMANN BELLINGHAUSEN

San Cristóbal de las Casas, Chis., 20 marzo. “La Suprema Corte di Giustizia della Nazioneión (SCJN) non si aspettava la reazione di indignazione generale suscitata dal suo rifiuto di rilevare il caso di Alberto Patishtán Gómez”, ha affermato oggi il suo avvocato Leonel Rivero Rodríguez. La Corte “ha mentito” nel giustificare il suo verdetto, e questo è un fatto che si verifica “molto raramente”. Oltre al fatto orami noto che è “innocente”, ha aggiunto durante la conferenza stampa nella quale è stata annunciata la nuova campagna internazionale per la liberazione del docente tzotzil.

Il collettivo Ik, che accompagna i prigionieri politici e di coscienza, a sua volta ha sottolineato che “appoggiano la sua liberazione il governatore Manuel Velasco Coello ed il vescovo di San Cristóbal Felipe Arizmendi e l’EZLN attraverso il subcomandante Marcos, oltre a tutto un movimento sociale nel municipio di El Bosque”, formato da persone di diversi partiti, e tutte le chiese lì presenti (cattolici, presbiteriani, testimoni di Geova, evangelici, pentecostali). “Si è mai vista prima una coincidenza simile tra voci tanto diverse?”.

Questo, “mentre non esiste polemica, nessun settore si oppone alla sua liberazione né vi sono dubbi sulla sua innocenza”, rileva Rivero Rodríguez. 

Dal carcere numero cinque, per via telefonica, lo stesso Patishtán ha convocato “una nuova tappa di mobilitazioni” a partire da oggi fino al 17 aprile, davanti ad ambasciate e consolati del Messico all’estero, simultanee a quelle che realizzerà a El Bosque, Tuxtla Gutiérrez e Città del Messico il movimento indigeno del suo municipio che da 12 anni chiede la sua liberazione e riceve solo disprezzo. Oggi stesso si è svolta una protesta di fronte all’ambasciata di Londra.

“Nonostante questa nuova ingiustizia, non mi fermerò mai per il bene della giustizia e della libertà”. Nel suo appello si rivolge a collettivi, chiese, studenti, operai, comunità, e chiede anche la liberazione dei suoi compagni Solidarios della Voz del Amate.

Dodici anni in carcere, accusato dell’omicidio di sette poliziotti in un’imboscata nel giugno del 2000, una volta condannato non si è più indagato, sempre ammesso che si indagò prima di chiudere il caso che si è poi coperto da un velo di sospetto, mistero e oblio. O almeno contava su questo chi ha voluto mantenere Patishtán rinchiuso in cinque prigioni diverse, compresa quella di massima sicurezza in Sinaloa.

Il professor Martín Ramírez, portavoce del movimento civico di El Bosque, ha dichiarato: “Se si fossero applicati gli accordi di San Andrés firmati dal governo con l’EZLN, Patishtán sarebbe libero, perché ci sarebbe una giustizia migliore per gli indigeni. Non capiamo perché continuano con le stesse pratiche di 200 anni fa. Siamo nel XXI° secolo e si continua con la tortura e il disprezzo, come ha fatto ora la SCJN. Alberto è un prigioniero politicoper avere lottato a favore della gente” ed aver denunciato pubblicamente la corruzione della giunta priista di El Bosque di allora. “O è un reato essere contro l’ingiustizia?”, ha chiesto.

Rivero Rodríguez ha esposto la sua interpretazione del disinteresse esplicito della SCJN di fronte alla richiesta di rilevare il caso: “Ha solo deciso di non rilevarlo; non ha respinto il ricorso. E’ stata una decisione che ha diviso i magistrati”. La Corte “non è stata all’altezza della sfida” che gli presentava questo “audace” ricorso. Come ha detto uno dei giudici che ha votato contro: “non spetta alla SCJN scoperchiare il vaso di Pandora”.

Ciò nonostante, esistono ancora possibilità che si faccia giustizia, sostiene Rivero. “Il caso deve andare al Primo Tribunale Collegiale, a Tuxtla Gutiérrez, e questo si pronuncierà se abbiamo ragione. Le prove di 10 anni fa, quando fu condannato, dal 2009 non sono più valide, il procedimento è stato reinterpretato ed attualmente quelle ‘prove’ risultano illegali”. 

Ha inoltre ipotizzato altre alternative oltre alla decisione del primo tribunale (“che potrebbe prendersi qualche giorno se c’è la volontà”), come un indulto presidenziale. Al riguardo, ha detto, non possiamo pronunciarci perché sarebbe come ammettere colpevolezza e non lo faremo, ma questo spetta al Presidente della Repubblica, che può farlo in maniera unilaterale senza andare oltre le sue facoltà né violare la Costituzione”. http://www.jornada.unam.mx/2013/03/21/politica/021n1pol

(Traduzione “Maribel” – Bergamo)

Read Full Post »

La Jornada – Mercoledì 20 marzo 2013

Rapporto del Frayba sulle violazioni dei diritti individuali e collettivi. Nel sessennio passato, in Chiapas tortura e militarizzazione

Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de las Casas, Chis., 19 marzo. El Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas (Frayba) ha diffuso il suo rapporto Entre la política sistémica y las alternativas de vida [Informe_Frayba], un accurato resoconto delle violazioni delle garanzie individuali e collettive in Chiapas durante il passato sessennio, quando i governi federale e statale hanno implementato i progetti neoliberisti volti alla sottrazione del territorio ed hanno cercato di frenare i processi autonomistici.

Il Frayba sottolinea la legalità dell’espropriazione rappresentata dal Proyecto de Integración y Desarrollo de Mesoamérica, “serie di progetti infrastrutturali, di ecoarcheoturismo, lotta alla povertà e ‘sviluppo’, volti alla sottrazione del territoriale ed al genocidio, che hanno approfondito la divisione” tra le comunità che si oppongono. Di fronte a ciò, i popoli organizzati difendono il territorio come parte della loro autonomia, struttura simbolica, spirituale e materiale.

Senza grande difficoltà, il Frayba colloca il sistema di giustizia apertamente al servizio dello Stato, come provano la strategia di sicurezza nazionale, la repressione, la criminalizzazione di organizzazioni, avvocati e giornalisti. In Chiapas i detenuti subiscono un sistema carcerario inefficiente e che viola i diritti. Si sottolinea l’insistente uso della tortura come metodo di indagine da parte dei funzionari, dei diversi corpi di polizia e dalle istituzioni di applicazione della giustizia, e si documentano 105 casi di tortura in 18 città durante il governo di Juan Sabines Guerrero.

Il documento è stato presentato da Abel Flores, dell’organizzazione Pueblo Creyente, Marina Pagés e Michael Chamberlin (coordinatori rispettivamente di Sipaz e Inicia), la ricercatrice Mercedes Olivera e Víctor Hugo López, direttore del Frayba.

Il conflitto armato, secondo il rapporto, è stato continuamente contrassegnato dalla contrainsurgencia in una guerra di usura prolungata che il governo, con la sua doppia faccia e azione mediatica, ha implementato per distruggere i processi di resistenza, in particolare quelli delle Giunte di Buon Governo (JBG) e dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN).

Nei governi di Felipe Calderón e Sabines, in nome della sicurezza sono stati usati strumenti di terrore e controllo attraverso la militarizzazione, la tortura come metodo di indagine, le sparizioni, gli omicidi. La lotta alla criminalità organizzata continua ad essere il pretesto perfetto. In questo senso, i mezzi di comunicazione al servizio dello Stato rappresentano i diritti umani come un ostacolo per la sicurezza nazionale.

Le prigioni in Chiapas confermano la routinaria violazione dei diritti nel sistema penitenziario. La maggioranza degli internati sono poveri, indigeni o immigrati, in situazione vulnerabile. La criminalizzazione della protesta, la persecuzione dei leader sociali e degli avvocati parlano di uno Stato repressore che cambia i discorsi ma non i metodi, il cui presunto rispetto delle comunità autonome e delle JBG è falso e vuoto di contenuto.

Nel sessennio che si è chiuso, la forbice tra i diritti riconosciuti dei popoli indigeni e l’esercizio di questi si è sempre più allargata. La sottrazione legale di territorio è proseguita attraverso progetti che contemplano elementi di sicurezza nazionale e protezione degli investimenti di imprese legate ai governi che hanno interessi in questi territori colmi di ricchezze naturali. Il modello economico neoliberale ha maggiore impatto sulle comunità indigene, poiché le imprese stanno occupando i loro territori per entrarne in possesso.

Ciò nonostante, le comunità in resistenza continuano nella difesa dei territorio e delle terre come indicato negli Accordi di San Andrés, a 17 anni dalla loro mancata applicazione.

Tra il 2006 ed il 2012 il conflitto armato in Chiapas è stato caratterizzato dalla continua presenza militare nelle comunità, soprattutto nella zona di influenza dell’EZLN. La strategia contrainsurgente è stata indirizzata all’applicazione di progetti sociali insieme alle agenzie delle Nazioni Unite, nel contesto degli Objetivos de Desarrollo del Milenio.

Infine, il rapporto sostiene che la memoria, nel contesto sociale e comunitario, è una risorsa ancestrale di riconoscimento dei popoli. La ricercatrice Mercedes Olivera ha sottolineato il ruolo delle donne nella lotta contro l’oblio, perché sono loro le costruttrici della memoria.

http://www.jornada.unam.mx/2013/03/20/politica/026n1pol

(Traduzione “Maribel” – Bergamo)

Read Full Post »

Older Posts »