Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Terra; diritto;’

La Jornada – Sabato 30 marzo 2013

La Corte si pronuncerà sulla richiesta di restituzione delle terre agli indigeni del Chiapas. Sarebbe la prima sentenza sul diritto di quei popoli al territorio

Hermann Bellinghausen

 Questo lunedì, la Suprema Corte di Giustizia della Nazione (SCJN) si pronuncerà sul ricorso dell’ejido di Tila, nella zona nord del Chiapas, per la restituzione delle terre alienate dal governo del Chiapas mezzo secolo fa. Potrebbe essere la prima volta che la Corte si pronuncia sul diritto dei popoli indigeni a terra e territorio, sostiene Simón Hernández León, avvocato del Centro dei Diritti Umani Miguel Agustín Pro Juárez (Centro Prodh) che segue il caso nella capitale della Repubblica.

In un’intervista con La Jornada, espone la portata di una possibile decisione favorevole: “All’interno della Corte esistono resistenze a considerarla una questione ‘indigena’, perché, temono alcuni giudici, aprirebbe un dibattito politico, non di territorio. Ma in questo caso non si discute di autonomia o autodeterminazione dei popoli”. Certamente, questo è stato il principale scoglio affinché la SCJN accettasse i ricorsi di riconoscimento costituzionale dei precetti autonomistici dei popoli.

Hernández León spiega che il plenum della SCJN inizierà la discussione dell’incidente de inejecución 1302/2010, relativo al ricorso presentato dall’ejido di Tila contro l’esproprio illegale di 130 ettari. Il progetto è stato elaborato dal giudice Olga Sánchez Cordero. Ricorda che l’ejido ha vinto il ricorso contro il decreto 72 col quale il Congresso del Chiapas voleva sottrarre le terre.

La Corte interviene di fronte al rifiuto delle autorità dello stato di applicare la sentenza. Analizzerà le conseguenze della concessione del ricorso e potrà decidere sula sua applicazione. Già il giudice primo di distretto aveva deciso di annullare il decreto 72 e gli atti di esecuzione che implicano la disponibilità materiale della superficie.

La SCJN può stabilire che il ricorso vinto avrà solo effetti declaratori nell’annullare la sentenza, oppure confermare il criterio del giudice che ha considerato anche la restituzione fisica e materiale a favore dell’ejido. Il Prodh sostiene che la Corte deve determinare che la conseguenza della sentenza del ricorso è la restituzione della superficie sottratta. Come tribunale costituzionale può sviluppare il contenuto dei diritti previsti all’articolo 2 costituzionale ed usare i trattati internazionali sui popoli indigeni, i quali hanno rango costituzionale. Il caso mostra il debito storico dello Stato verso i popoli indigeni. Il tribunale e lo Stato devono riconoscere i popoli indigeni come soggetto politico emarginato nel processo storico di costruzione della Nazione, e soggetto collettivo di diritto. Di fronte al colpevole silenzio di decenni, è tempo di rivendicare i diritti dei popoli indigeni.

La decisione della SCJN stabilirebbe un precedente storico e può sviluppare criteri sulla dimensione culturale e la forma particolare in cui i popoli si relazionano e vivono nel territorio. Dovrà, secondo l’organismo, considerare il carattere plurinazionale dello Stato messicano e sotto questa premessa affrontare la risoluzione del caso, considerando gli elementi storici e la particolarità culturale del popolo chol, e garantire la restituzione affinché sia l’ejido, mediante la sua assemblea generale, ad amministrare i beni.

Rodolfo Stavenhagen, ex relatore per i popoli indigeni alle Nazioni Unite, ha presentato alla SCJN un memoriale amicus curiae (amici della Corte) che racconta la storia e la dimensione antropologica dell’ejido e del popolo chol. In un altro amicus curiae, il Prodh ha affrontato il diritto dei ppoli, proponendo la sua incorporazione nella sentenza.

La Corte Interamericana si è riferita alla sua dimensione culturale: Per le comunità indigene la relazione con la terra non è meramente una questione di possesso e produzione, bensì un elemento materiale e spirituale di cui devono godere pienamente, compreso per preservare il loro lascito culturale e trasmetterlo alle generazioni future. La cultura dei membri di queste comunità corrisponde ad una forma di vita particolare di essere, vedere ed agire nel mondo, costituito a partire dalla loro stretta relazione con i loro territori tradizionali e le risorse ivi presenti, non solo per essere questi il loro principale mezzo di sussistenza, ma anche perché costituiscono un elemento integrante della loro cosmovisione, religiosità e, infine, della loro identità culturale.

Il Prodh conclude il suo messaggio alla SCJN: Anche quando i popoli indigeni perdono parziale o totalmente il possesso del territorio, mantengono il loro diritto di proprietà sullo stesso ed hanno un diritto superiore per recuperarlo. La restituzione del pieno godimento ed esercizio di questi diritti deve essere il meccanismo prioritario e non può essere sostituito da un’indennità come dispone la Ley de Amparo. Il Prodh rileva l’insufficienza delle leggi Agraria e di Difesa per tutelare il diritto alla proprietà collettiva dei popoli e comunità indigene e la loro protezione giurisdizionale. La SCJN dovrà interpretarle mediante l’applicazione dei trattati che contemplino i diritti dai popoli indigeni. http://www.jornada.unam.mx/2013/03/30/politica/007n1pol

(Traduzione “Maribel” – Bergamo)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: