Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Gilberto Lopez y Rivas’

Per la vita e contro la guerra nelle comunità zapatiste

Gilberto López y Rivas – La Jornada 31 maggio 2019

Oggi sul territorio nazionale, ed in altri paesi del mondo solidale (tra cui Francia, Spagna, Grecia e Stati Uniti), si svolge una giornata contro la militarizzazione dei territori e delle comunità zapatiste che è stata denunciata dall’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) e metodicamente analizzata dal Centro de Derechos humanos Fray Bartolomé de Las Casas (Frayba).

Il Frayba, attraverso la documentazione fornita dalle Brigate Civili di Osservazione (BriCO), registra un aumento del 100% del numero di incursioni dell’Esercito Messicano, dei pattugliamenti terrestri e sorvoli di elicotteri a partire dal dicembre 2018 e conclude, con fondate ragioni, che questi atti di intimidazione e vessazione sono un’aggressione al loro diritto all’autonomia e rappresentano un rischio per la vita, l’integrità e la sicurezza di tutta la popolazione. Si è rilevato che i veicoli militari molte volte attraversano ad alta velocità le comunità senza preoccuparsi di persone, bambine e bambini, animali durante il passaggio. Inoltre, il Frayba ha registrato atti di spionaggio nell’accampamento di osservazione internazionale della Realidad che, ugualmente, minano l’integrità e la sicurezza di chi svolge il monitoraggio.

Questo processo di militarizzazione sta avvenendo anche attraverso l’aumento dell’attività dei gruppi paramilitari, come la Sedena, in una reinterpretazione della vecchia metafora di togliere l’acqua ai pesci rivoluzionari (isolarli dal popolo), contempla nei suoi manuali di contro-insurrezione, poiché nell’azione controrivoluzionaria dà migliori risultati introdurre pesci più arditi sul teatro di guerra. Ricordiamo il crimine di Stato di Acteal, o il lavoro che svolgono i sicari nei territori in resistenza per comprendere questo contributo metaforico dell’esercito messicano alla controinsurrezione mondiale.

L’EZLN nel comunicato [https://chiapasbg.com/2019/04/11/ezln-100-anni-emiliano-zapata/] che denuncia l’offensiva militare, segnala: “Pattugliamenti e sorvoli non seguono le rotte del narcotraffico, né quelle delle lente carovane delle sorelle e fratelli migranti che fuggono da una guerra che ci si rifiuta di chiamare col suo nome… per raggiungerne un’altra che si nasconde dietro un governo federale tutto chiacchiere e cialtroneria. No, questa minaccia di morte percorre per aria e terra le comunità indigene che vogliono mantenersi in resistenza e ribellione per difendere la terra, perché in lei sta la vita. Ora, inoltre, membri dell’Esercito Federale e dell’Aeronautica si addentrano nelle montagne e compaiono nelle comunità dicendo che sta arrivando la guerra e che stanno solo aspettando ordini ‘dall’alto’”. A questo punto la domanda d’obbligo è: “Chi sta dando gli ordini?”.

Nel resto del paese, la militarizzazione (e paramilitarizzazione) si concretizza da una parte, nell’avvio della Guardia Nazionale che costituisce la consegna, così legalizzata, della pubblica sicurezza ai soldati e, dall’altra, nel ruolo assegnato alla criminalità negli omicidi di dirigenti indigeni difensori del territorio e della Madre Terra e consiglieri del CNI-CIG, molti di loro comunicatori di radio comunitarie, come Samir Flores Soberanes, giustiziato 10 giorni dopo l’annuncio del proseguimento del Progetto Integrale Morelos.

Questo processo di militarizzazione e paramilitarizzazione dei territori zapatisti, o in resistenza anticapitalista, avviene senza che gli intellettuali organici alla Quarta Trasformazione si agitino, occupati come sono a scrivere epistole di sostegno incondizionato all’Esecutivo federale, o accettare portafogli chiave del gabinetto per l’eventuale conferimento dei permessi necessari per continuare con i megaprogetti di morte.

L’attuale crisi di civiltà globale scatena la radicale distruzione delle basi della vita. Tra le sue principali forme ci sono l’etnocidio, l’ecocidio o il capitalismo necropolitico. (Si veda l’eccezionale libro di Luis Arizmendi/Jorge Beinstein, Tiempos de Peligro: Estado de excepción y guerra mundial. UAZ-Plaza y Valdés Editori, Messico, 2018). Il pensiero critico contemporaneo si sta approfondendo nella denuncia delle nuove forme di distruzione che implica, necessariamente, riferire l’accumulazione per appropriazione di beni pubblici, di beni comuni e di beni generici (come i codici genetici o l’acqua) (Arizmendi, ibidem p. 20), fino ad arrivare alla politica di morte come fondamento di un’accelerata accumulazione basata sull’economia criminale.

Il processo di militarizzazione in Chiapas apre il pericolo di un nuovo Acteal. La smilitarizzazione, lo smantellamento dei gruppi paramilitari ed il rispetto delle comunità zapatiste, dei loro territori e dei loro processi di autonomia devono essere messi in pratica immediatamente. L’EZLN non è solo!

Traduzione “Maribel” – Bergamo

Testo originale: https://www.jornada.com.mx/2019/05/31/opinion/021a2pol

Foto: Daliri Oropeza

Read Full Post »

Auguri fraterni agli insurgentes e insurgentas, miliziani e miliziane ed alle basi di appoggio dell’EZLN, a 24 anni della guerra contro l’oblio. Questa guerra genocida che gli zapatisti denunciavano nel 1994 non solo non è cessata, ma si è intensificata fino a fare del Messico il secondo paese più letale, dopo la Siria, secondo l’Istituto Internazionale di Studi Strategici di Londra, che segnala un conflitto armato non riconosciuto, una catastrofe umanitaria dove il protrarsi della violenza omicida dura ormai da più di un decennio con intensità costante.

EZLN: 24 anni di dignità e coerenza etica 

Gilberto López y Rivas 

Il primo gennaio scorso si è celebrato un altro anniversario della sollevazione dei maya zapatisti a seguito della quale fu pubblica l’esistenza di un gruppo insorto formato in maggioranza da indigeni che in base all’articolo 39 della Costituzione dichiarò guerra al malgoverno dell’usurpatore Carlos Salinas de Gortari. A 24 anni da quell’avvenimento dai molteplici significati storici che scosse il Messico e il mondo, è attuale più che mai la Prima Dichiarazione della Selva Lacandona, nella quale l’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) si rivolge così al POPOLO DEL MESSICO (con le maiuscole): Noi, uomini e donne integri e liberi, siamo coscienti che la guerra che dichiariamo è una misura estrema ma giusta. Da molti anni i dittatori praticano una guerra genocida non dichiarata contro i nostri popoli, e per questo chiediamo la tua decisa partecipazione per appoggiare questo progetto del popolo messicano che lotta per lavoro, terra, casa, alimentazione, salute, educazione, indipendenza, libertà, democrazia, giustizia e pace.

Questa guerra genocida che gli zapatisti denunciavano nel 1994 non solo non è cessata, ma si è intensificata fino a fare del Messico il secondo paese più letale, dopo la Siria, secondo l’Istituto Internazionale di Studi Strategici di Londra, che segnala un conflitto armato non riconosciuto, una catastrofe umanitaria dove il protrarsi della violenza omicida dura ormai da più di un decennio con intensità costante. Nello stesso tempo, le riforme strutturali promosse dai governi di tradimento nazionale che si sono succeduti in questi anni di regime di partiti di Stato che legalizzano la depredazione ri-colonizzatrice e la denazionalizzazione di territori e risorse strategiche, così come la Legge di Sicurezza Interna che legalizza la militarizzazione del paese e la mano dura delle forze armate contro il popolo, fanno sì che le domande per le quali gli zapatisti sono andati in guerra siano sempre più attuali e legittime. Il Messico inizia questo 2018 nel peggiore delle situazioni che si ricordano dal conflitto armato del 1910-1917, che costò la vita ad un milione di persone, quando la popolazione totale era di 16 milioni di abitanti.

In questi 24 anni, l’EZLN ha persistito nel suo progetto di emancipazione e sempre e in diversi modi e con molte iniziative invitano tutti e tutte messicani e messicane, ad unirci al loro progetto di trasformare radicalmente la tragica realtà nazionale. Ricordiamo l’apertura alla società civile dei Dialoghi di San Andrés, la Convenzione Nazionale Democratica, la Marcia del Colore della Terra, gli Incontri Intergalattici, la Escuelita, i seminari per stimolare il pensiero critico tra gli intellettuali, gli artisti e gli scienziati, ed i molti modi di solidarizzare con le lotte di quelli che stanno in basso e a sinistra. La Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona è la sintesi della ricerca permanente dell’EZLN di articolare le lotte libertarie nell’ambito nazionale: “Continueremo a lottare per i popoli indio del Messico, ma non solo per loro né solo con loro, ma per tutti gli sfruttati e diseredati del Messico, con tutti loro e in tutto il paese (…) Ascolteremo e parleremo direttamente senza intermediari né mediazioni con la gente semplice ed umile del popolo messicano e, secondo quello che sentiremo ed apprenderemo, costruiremo insieme a questa gente che è come noi, umile e semplice, un programma nazionale di lotta, ma un programma che sia chiaramente di sinistra, cioè anticapitalista, cioè antineoliberista, cioè per la giustizia, la democrazia e la libertà del popolo messicano”.

Durante tutti questi anni, l’EZLN è stato la coscienza critica incorruttibile di fronte allo Stato ea alla società. È stato lo specchio nel quale la sinistra istituzionale e gli intellettuali di sistema hanno visto la loro perdita di principi morali e convinzioni anticapitaliste, il loro autismo di fronte alla guerra di pulizia sociale contro il popolo, il loro spostamento verso una comoda alternanza che non pone minimamente a rischio il sistema di sfruttamento della forza di lavoro più a buon mercato del pianeta, né la dominazione imperialista esercitata dagli Stati Uniti su un paese in rovina. Da qui l’odio viscerale dei pubblici ministeri d’ufficio antizapatisti di un’intellighenzia che da molto tempo ha rinunciato al pensiero critico; che personifica e proietta le sue frustrazioni e risentimenti nella figura del subcomandante Marcos-Galeano.

In questi anni, i popoli maya raggruppati nell’EZLN hanno dato un esempio di resistenza propositiva costruendo le loro autonomie, rafforzando i loro governi nei quali si comanda obbedendo e nei quali migliaia di donne e uomini si sono preparati per essere le autorità di una democrazia diretta e partecipata. Le bambine e i bambini, giovani di entrambi i sessi sono stati educati e formati in base ai sette principi etici zapatisti: servire e non servirsi, rappresentare e non soppiantare, costruire e non distruggere, obbedire e non comandare, proporre e non imporre, convincere e non vincere, scendere e non salire; una concezione del mondo e della politica, di quel per tutti tutto, per noi, niente, che si situa al polo equidistante del narcisismo individualista della generazione del selfie.

L’ultima delle iniziative sorte in seno ai maya zapatisti è la proposta assunta dal Congresso Nazionale Indigeno di formare un Consiglio Indigeno di Governo la cui portavoce, María de Jesús Patricio Martínez, Marichuy, sia inserita nella sceda elettorale delle elezioni presidenziali di questo anno. Di nuovo, ci invitano ad organizzarci per affrontare l’idra capitalista, il malgoverno e la partitocrazia che lo sostiene. La società civile messicana, i lavoratori, gli intellettuali, la gioventù, principalmente, saranno preparati a questa sfida che gli zapatisti ed il CNI ci lanciano? Lasceremo passare l’opportunità di unirci per lottare contro il malgoverno, per la giustizia, la democrazia e la libertà dei popoli della patria-matria messicana?

Auguri fraterni agli insurgentes e insurgentas, miliziani e miliziane ed alle basi di appoggio dell’EZLN, a 24 anni della guerra contro l’oblio. http://www.jornada.unam.mx/2018/01/12/opinion/017a2pol

Traduzione “Maribel” – Bergamo

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: