Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 26 aprile 2013

La Jornada – Venerdì 26 aprile

Bachajón, Chiapas: assassinato il dirigente degli ejidatarios pro-zapatisti. Juan Vázquez Gómez ucciso da cinque colpi di pistola davanti a casa sua.

Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de las Casas, Chis., 25 aprile. Il dirigente degli ejidatarios aderenti alla Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona a San Sebastián Bachajón, Juan Vázquez Gómez, è stato assassinato la notte di mercoledì da individui non identificati che l’hanno ucciso con cinque colpi di pistola. I fatti sono avvenuti intorno alle 23 fuori da casa sua, hanno comunicato gli ejidatarios.

Questa mattina, il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas (Frayba) ha condannato l’omicidio del segretario generale degli aderenti alla Sesta a San Sebastián Bachajón, municipio di Chilón. Vázquez Gómez si è distinto per la sua partecipazione attiva in difesa della terra e del territorio contro l’esproprio governativo delle cascate di Agua Azul e l’imposizione del botteghino di ingresso al sito.

Alcuni vicini, aggiunge il Frayba, riferiscono che Juan è stato aggredito proprio mentre stava entrando in casa; gli aggressori “sono fuggiti a bordo di un camioncino rosso in direzione di Sitalá, sulla strada che collega Ocosingo, Cancuc e Chilón”.

Dal 2007 Vázquez Gómez partecipava attivamente alla difesa del territorio ejidale, per il quale è aperto il ricorso n. 118/2013 attualmente in revisione presso il Tribunale di Tuxtla Gutiérrez.

Bisogna ricordare che il 17 aprile gli ejidatarios aderenti alla Sesta hanno denunciato che il loro territorio è minacciato dalla politica ufficiale di esproprio che prosegue con l’attuale governo dello stato. Il governo precedente si era distinto per la persecuzione degli ejidatarios che si oppongono all’esproprio per, fini turistici, di una parte delle loro terre, con la partecipazione diretta del segretario di Governo, Noé Castañón León, come da ripetute segnalazioni degli ejidatarios tzeltal.

A sua volta, la Rete contro la Repressione in Chiapas ritiene evidente che si tratta di un omicidio politico, per i molti interessi imprenditoriali, politici ed economici nella zona. E dalla prigione di San Cristóbal de las Casas, i detenuti della Voz del Amate e Solidarios de la Voz del Amate condannano i fatti e chiedono alle autorità di indagare e punire i responsabili.

In una situazione di crescente tensione nella zona di Chilón, nelle scorse settimane sono state denunciate nuove minacce contro gli aderenti della Sesta dell’ejido di Jotolá. http://www.jornada.unam.mx/2013/04/26/politica/028n1pol

(Traduzione “Maribel” – Bergamo)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: