Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 7 aprile 2011

La Jornada – Giovedì 7 aprile 2011

Le donne chiapaneche in resistenza lanciano l’allarme sulla crescente violenza nell’entità

HERMANN BELLINGHAUSEN

Il Coordinamento delle Donne in Resistenza, riunito a San Cristóbal de Las Casas, Chiapas, “per analizzare la situazione di violenza nelle nostre comunità”, denuncia le “gravi minacce di morte e aggressione” contro Rosa Díaz Gómez, aderente dell’Altra Campagna nella comunità Jotolá, municipio di Chilón. Minacce ancora più preoccupanti perché il 31 marzo scorso sono stati liberati sotto cauzione, da un giudice di Ocosingo, i suoi aggressori Juan Cruz Méndez, Medardo Cruz Méndez, Alfonso Cruz Cruz, Eleuterio Cruz Cruz y Melecio Cruz Guzmán”.

“La nostra compagna ha il fondato timore di essere nuovamente aggredita”. Ricordano che il 24 marzo 2010, Díaz Gómez era stata aggredita da un gruppo conosciuto come “I Cruz Méndez”. Quel giorno circondarono la sua casa e la colpirono a sassate. “Picchiavano violentemente contro la casa con i machete, hanno rotto le finestre e la serratura della porta riuscendo ad entrare distruggendo tutto quello che c’era”.

Le persone identificate come Juan, Jerónimo, Medardo e Tello “hanno puntato le armi contro Rosa ed hanno cominciato a colpirla in viso, braccia, gambe, schiena, costole, addome e stomaco, lasciandola gravemente ferita”. L’aggressione sarebbe avvenuta perché “era entrata in un’organizzazione e lottava per i suoi diritti, in particolare per la terra”. Nonostante la denuncia penale dei fatti, “non le è stato garantito l’accesso alla giustizia”.

Il coordinamento delle donne ritiene responsabile il “malgoverno” di qualsiasi cosa possa accadere a Rosa, “perché invece di cercare una soluzione al problema, amministra i fatti per trarne vantaggio e non gli importa della vita e della sicurezza delle nostre compagne” di Jotolá. Chiede che si “puniscano veramente i responsabili”, appena liberati e si garantiscano la vita e l’integrità fisica della donna tzeltal, “mettendo fine alla persecuzione”.

Pascual Sánchez Pérez, commissario ejidale di Jotolá, si è messo contro di lei per toglierle la terra, “eseguendo le intenzioni degli scarcerati che abbiamo citato prima”.

Da parte loro, i detenuti di San Sebastián Bachajón, aderenti dell’Altra Campagna, denunciano i maltrattamenti ricevuti nella prigione di Playas de Catazajá: “In primo luogo ci tengono sequestrati dal 2 febbraio per aver difeso le nostre terre”. Chiedono la loro liberazione, “perché siamo stanchi dei maltrattamenti”. Sostengono di ricevere il pasto solo una volta al giorno, “riceviamo pochissima acqua e stiamo male per il cibo cattivo e la mancanza di medicine”. Le autorità carcerarie inoltre impediscono ai loro familiari di portare il cibo ed umiliano i visitatori, “facendoli spogliare” durante le perquisizioni.

Dall’ejido di San Sebastián, la comunità chiede “stop alla repressione contro L’Altra Campagna”, il ritiro dei poliziotti installati nell’ejido ed il rispetto all’autonomia nel controllo e la preservazione delle nostre risorse naturali”. Respingono “il progetto del neoliberismo ad Agua Azul” ed esigono dal governo la liberazione dei loro cinque compagni “prigionieri politici”.

A conclusione delle giornate internazionali “5 giorni per i 5 prigionieri di Bachajón”, si sono svolte manifestazioni pubbliche a Barcellona e Bilbao; in entrambe le città sono state consegnate delle lettere ai consoli del Messico nelle quali si chiede la liberazione di Mariano Demeza Silvano, Domingo Pérez Álvaro, Domingo García Gómez, Juan Aguilar Guzmán e Jerónimo Guzmán Méndez, e di cessare la persecuzione contro le comunità dell’Altra Campagna in Chiapas.

A Parigi si sono mobilitati il Comitato di Solidarietà con i Popoli del Chiapas in Lotta, il gruppo Les Trois Passants ed il Comitato di Solidarietà con gli Indigeni delle Americhe, realizzando momenti informativi in spazi pubblici della capitale francese e con trasmissioni via radio. Analoghe manifestazioni si sono svolte a Calcutta, India, Madrid, Spagna e in diverse città britanniche. http://www.jornada.unam.mx/2011/04/07/index.php?section=politica&article=020n1pol

(Traduzione “Maribel” – Bergamo)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: