Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2013

La Jornada – Mercoledì 6 marzo 2013

Si aggrava la minaccia contro le basi di appoggio delle’EZLN a San Marcos Avilés, Chiapas.

Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de las Casas, 5 marzo. Si aggrava di giorno in giorno la situazione di minaccia, persecuzione e tensione contro le basi di appoggio dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) nell’ejido di San Marcos Avilés (municipio di Chilón), da parte di seguaci del PRI, del PRD e del Partito Verde Ecologista del Messico, i cui capi hanno perfino minacciato di arrestare la giunta di buon governo (JBG) di Oventic nel caso questa intervenisse.

Secondo informazioni fidate, il Centro dei Diritti umani Fray Bartolomé de las Casas (Frayba) riferisce che questa situazione si è acuita dal 23 febbraio, quando i partiti si sono incontrati con un deputato locale del Chiapas non identificato nella Ranchería Yoc’ja, Chilón. “Dopo questa riunione si è svolta un’assemblea a San Marcos Avilés, dove i partiti hanno dichiarato: Ci sarà la guerra contro le basi di appoggio perché non c’è altro modo di risolvere il problema”.

Il giorno 24 sono corse voci di uno sgombero, per cui la comunità delle basi zapatiste è entrata in allerta.

Il giorno 26, alle ore 20:00, il commissario ejidale Ernesto Pérez Núñez annunciava con un megafono la convocazione di un’assemblea per il giorno dopo, alla quale avrebbero partecipato i 70 ejidatari ed i coloni che non lo sono. Il commissario inoltre avvertiva: ‘Nessuno proveniente da altri luoghi avrà il diritto di intervenire nei problemi dell’ejido, e se vengono quelli della JBG li arresteremo’..

Dal 27 febbraio ad oggi, le famiglie zapatiste vivono in una situazione di grave tensione,  persecuzione e diretta minaccia di sgombero forzato da parte dei partiti.

Il Frayba sente l’urgenza di rispondere alla situazione di persecuzione che sta causando gravi violazioni dei diritti umani in relazione all’integrità e sicurezza della persona, alla stabilità ed al libero transito, tra altri. Oltre a colpire la convivenza e l’armonia nella comunità e nella famiglia, si ripercuote in una potenziale crisi umanitaria con possibili conseguenze di difficile soluzione in caso si verifichi per la seconda volta uno sgombero forzato contro le basi zapatiste, come già successo nell’aprile del 2010.

La nuova escalation di violenza contro le famiglie autonome era stata già denunciata nei giorni scorsi (La Jornada, 24/2/13). Le autorità statali hanno brillato per il loro immobilismo nello congiurare la possibile violenza contro gli zapatisti della comunità tzeltal.

 

Amicus curiae per Patishtán

 

L’Università del Minnesota, negli Stati Uniti, ha presentato alla Suprema Corte di Giustizia della Nazione (SCJN) una risoluzione di amicus curiae (amico della corte) nelal quale si sostiene che nel caso di Alberto Patishtán fin dall’inizio le prove dovevano essere considerate nulle, in quanto ottenute in maniera illecita e violando con questo i suoi diritti fondamentali, che esistevano da prima della pubblicazione delle nuove tesi e della giurisprudenza della SCJN. Lo Stato messicano era obbligato a proteggere e garantire i diritti del detenuto.

La difesa di Patishtán ha convalidato le argomentazioni sviluppate nello scritto (in un amicus curiae, degli esperti indipendenti esprimono la loro opinione rispetto ad un caso particolare, apportando elementi che possano risultare trascendenti nella decisione del tribunale). Questo, sostiene elementi giuridici per i quali la SCJN deve assumere la competenza ed affrontare il tema di fondo della questione delle violazioni delle garanzie e della protezione giudiziale, diritti che sono stati ignorati durante tutto il procedimento penale.

Nel frattempo, anche i Solidarios de la Voz del Amate, membri della Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona, reclusi nella prigione di San Cristóbal de las Casas, si sono pronunciati al riguardo: ‘Dopo quasi 13 anni di carcere ingiusto al nostro compagno Alberto, è arrivato il momento di rivelare le anomalie e le irregolarità nel suo caso. Questo mercoledì ci sarà l’udienza per discutere la riassunzione di competenza della SCJN; confidiamo che quando i giudici scopriranno tutte le bugie nel caso del nostro fratello, detteranno la sua liberazione immediata.

http://www.jornada.unam.mx/2013/03/06/politica/033n1pol

(Traduzione “Maribel” – bergamo)

Read Full Post »

LORO E NOI

VII. – LE/I più piccol@ 5.

5.- I Soldi.

Marzo 2013

NOTA: I Soldi, il denaro, la grana, il money, l’economia, le finanze, ecc. La questione economica non riguarda solo da dove arrivano le risorse (la morbosità di qualcun@ sarà soddisfatta a scuola, non preoccupatevi), ma riguarda anche come si gestiscono (le autorità percepiscono uno stipendio? Si fa la “cresta” a beneficio personale? ecc.) e, soprattutto, come si presenta il rendiconto? Un momento! Gli zapatisti hanno un proprio sistema bancario?! Bene, scandalizzatevi pure perché, come è risaputo, questo fanno le zapatiste, gli zapatisti, disturbano le anime belle. Questi sono frammenti della condivisione sull’economia delle Giunte di Buon Governo:

-*-

Fino ad ora non c’è stato compenso con denaro [per le autorità della JBG], perché pensiamo che non è col denaro che si può fare il lavoro dell’autonomia o svolgere l’attività di governo. Nessuno sta lavorando sulla base dei soldi. Chiaramente alcuni, per il lavoro che fanno, ricevono un aiuto dal loro villaggio con generi di prima necessità, secondo quanto concordato tra la comunità, ma niente soldi. E’ così che abbiamo lavorato in questi nove anni nella Giunta di Buon Governo.

(…)

Come si trasferiscono nel loro Caracol i membri della Giunta?

 

Se c’è un mezzo di trasporto si usa quello, altrimenti ci si va a piedi. Il costo del viaggio è a carico delle poche risorse a disposizione della Giunta, ma solo per questo. Se il viaggio costa 20 pesos, allora riceverà 20 pesos, nient’altro.

I compagni e le compagne che svolgono incarichi di autorità, come già detto, lo fanno per coscienza, per volontà, ma questi compagni inoltre vivono in villaggi dove ci sono molti altri compagni che svolgono lavori comunali, organizzativi per organizzare la resistenza. Per cui alcuni di questi compagni hanno il diritto di svolgere il loro lavoro nel tempo libero, perché questi compagni non possono partecipare al lavoro di carattere collettivo ed ai lavori comunali.

-*-

All’interno del governo autonomo si gestiscono le diverse aree di lavoro come educazione, commercio, salute, comunicazione, giustizia, agricoltura, trasporti, progetti, campamentisti, BANPAZ (Banca Popolare Autonoma Zapatista), BANAMAZ (Banca Autonoma delle Donne Zapatiste) ed amministrazione. Queste sono le aree di lavoro che si amministrano dentro il governo autonomo. All’inizio, quando sono nate le Giunte di Buon Governo, siccome si era in pochi, ogni compagno aveva da tre a quattro aree da gestire. In un secondo periodo, nella Giunta si è arrivati a dodici compagni ed il carico di lavoro è stato riequilibrato ed ogni compagno doveva gestire da due a tre aree di lavoro.

In questo terzo periodo di vita della Giunta di Buon Governo siamo ormai in 24 ed il lavoro si è equilibrato. In queste diverse aree di lavoro operano compagne e compagni, in due squadre che formano la Giunta di Buon Governo, siamo in 24 e copriamo la Giunta per 15 giorni al mese. In ogni area di lavoro operano due compagni e due compagne, è così che funziona la Giunta di Buon Governo. È tutto, compagni. Adesso parlerà l’altro compagno.

(…)

-*-

(…)

Stavamo commentando coi compagni che abbiamo un po’ di conoscenza della zona, e che nei villaggi ci sono coltivazioni collettive di fagioli, di mais, ci sono allevamenti collettivi di bestiame, negozi collettivi, allevamenti collettivi di polli. Ci sono piccoli commerci, non è che siano negozi permanenti che stanno lì tutto il tempo, a volte si fanno piccoli eventi e lì ci vanno i compagni col loro piccolo commercio. Ci diceva la compagna che in un villaggio della sua regione avevano avviato un allevamento di polli, polli nostrani, e di tanto in tanto uccidevano un pollo o due e facevano i tamales che poi vendevano, e a poco a poco hanno messo insieme un fondo che ha permesso loro di comprare una macina per preparare il nixtamal [tipica base per le tortillas – n.d.t.], e così hanno creato la loro attività.

Un altro compagno conosce un villaggio dove arriva molta gente da altre comunità e lì le compagne si sono organizzate per aprire una tortillería, ma non perché si erano comprate una macchina di quelle che si vedono in città, da dove escono a catena le tortillas. Le compagne hanno una piccola pressa e fanno le tortillas a mano che poi la gente compera, e questo è un altro lavoro collettivo.

In questo modo nei villaggi si organizzano molte altre cose. A cosa serve tutto questo? Serve perché, per esempio, al compagno di quel villaggio, se è promotore di educazione, o promotore di salute che deve andare a fare il suo lavoro, possano pagare il viaggio, per dargli per qualcosa che possa servirgli dove svolge il suo lavoro.

(…)

-*-

Qui nel Caracol II di Oventic arrivano visitatori da altri paesi, nazionali e internazionali. Molti vengono solo a visitare il Caracol, ma alcuni lasciano una piccola donazione per appoggiare le comunità. Le donazioni che lasciano qui alla Giunta sono piccole, ma si accettano e la Commissione di Vigilanza rilascia una ricevuta. Una copia della ricevuta è per il donatore, una copia è per la Commissione di Vigilanza, una copia va ai compagni del CCRI e l’originale resta alla Giunta. Le donazioni si mettono insieme e la Giunta le gestisce. Queste donazioni vengono usate per le spese nel Caracol, perché queste donazioni sono molto piccole, sui quaranta, cinquanta, cento pesos. Ma di queste spese non è al corrente solo la Giunta, ma mensilmente la Giunta redige un rendiconto, ogni mese facciamo una relazione di fine di mese.

La Giunta fa la sua relazione insieme a tutti i 28 membri, dove ci sono alcuni compagni del CCRI, affinché insieme vediamo come vengono spesi i soldi qui nel Caracol, o come la Giunta di Buon Governo amministra le risorse.

-*-

Un altro degli obblighi del governo autonomo è amministrare con sincerità ed onestà tutte le entrate e le uscite economiche di ogni istanza di governo, per tutti i beni e materiali che sono per la comunità, così come ho spiegato un momento fa, anche per le risorse che donano i compagni solidali, perché la Giunta non gestisce come vuole le risorse.

Ogni istanza di governo nei municipi, nella Giunta, redige mensilmente la sua relazione, e le relazioni le facciamo molto dettagliate, anche se si tratta di 50 pesos bisogna dettagliare per che cosa sono stati spesi quei 50 pesos, è così che facciamo la nostra relazione, come ho detto prima, non la fanno solo due membri, ma la facciamo tutti 28 membri della Giunta, riuniti insieme ai compagni del CCRI; è così che lavoriamo qui nel Caracol.

(…)

-*-

Bene, c’è anche el Comisión de Fondo, qui nella nostra zona abbiamo un piccolo fondo e, come la compagna ci ha raccontato, ci sono tre aree di competenza delle donne, per esempio le erboriste, le hueseras[che curano lussazioni, fratture, contusioni – n.d.t.] e le levatrici, e in quest’area di lavoro una volta è stato realizzato un progetto, non in specifico per le hueseras, erboriste, levatrici, ma per la clinica centrale, cioè nell’area di salute, includendovi i tre gruppi o tre aree di hueseras, erboriste, levatrici; per quel progetto è stato fatto un bilancio per prevedere le spese per il vitto, che era di 50 pesos al giorno, ed il corso era di tre giorni, quindi il corso costava 150 pesos per il vitto, e poi si è calcolata anche una quota per il viaggio di trasferimento delle compagne. Allora, tutte le autorità regionali e i consigli autonomi della zona hanno analizzato il progetto ed hanno ritenuto importante creare un fondo.

Si concordò di non spendere tutto per il vitto, ma di chiedere solo un piccolo contributo di 10 pesos per ogni compagna, e siccome il corso era di tre giorni, si sarebbero spesi 30 pesos, quindi avanzavano dei soldi, e quello che restava, secondo l’accordo dell’assemblea delle autorità, si sarebbe conservato come fondo della zona, non della regione, ma della zona. Anche per le spese di viaggio si concordò un 50% dal fondo e un 50% dal contributo del villaggio, quindi il 50% restava per il fondo della zona.

Perché si è fatto così? Perché qui nella nostra zona le risorse economiche del villaggio sono sempre molto scarse, per questo è stato deciso di conservare come un fondo la somma che sarebbe avanzata. Così è stato creato il fondo della zona, e per questa ragione è nata la Comisión de Fondo, Commissione di Risparmio. Non so se ho risposto alle vostre domande.

(…)

-*-

Chi controlla che non ci siano trucchi tra il rendiconto e la relazione generale?

 

Noi lavoriamo tutti insieme, in Giunta non c’era chi controllava la relazione, ma tutta la squadra della Giunta. Ma ad ogni alternanza di Giunta si passa copia di tutte le relazioni delle spese all’ufficio Informazione; e così per tutti gli acquisti decidiamo con l’ufficio Informazione quali generi alimentari comprare o se fare alcune commissioni. Decidiamo tutti insieme con l’ufficio Informazione, alla presenza anche degli addetti alla vigilanza; i tre uffici si riuniscono e lì si concorda che cosa comprare o quanto costerà una commissione che, al suo ritorno, informerà la Giunta delle spese fatte. Ad ogni cambio di turno si presentano i conti e si elegge un segretario e un tesoriere che ha in mano i soldi ed il controllo. Per esempio, gli si affidano 10 mila pesos da amministrare per dieci giorni, e quel compagno è incaricato di controllare l’economia, le spese, di fare il segretario e il tesoriere. Alla fine dei conti vediamo quanto è stato speso, e se per caso mancano cento o duecento pesos, questi restano a debito del compagno, perché è lui l’incaricato di gestirli bene per i 10 giorni dell’incarico. Ad ogni cambio di turno in Giunta si controlla se quadrano i conti, ed abbiamo controllato se quadravano i 10 mila pesos affidati nei 10 giorni di turno. Ma gli acquisti si fanno sempre su accordo dei tre uffici.

La domanda è, come si fa ad essere sicuri che quei compagni dicono la verità, che non stanno sbagliando. Su quali dati si basano?

 

Compagni, ci si basa sulle ricevute. Metti che ci sono 50 mila pesos che vengono affidati al compa che arriva di turno; come ha detto il compagno, quei 50 mila pesos devono essere gestiti per 10 giorni, quindi se spende tremila o quattromila pesos deve dare informazione delle spese attraverso le ricevute delle uscite, o nel caso delle commissioni per cui non ci sono state spese, delle ricevute per il vitto, e poi deve far quadrare i conti. E si vede se realmente quadrano perché, non solo l’amministratore o chi sta tenendo i conti, ma anche la Vigilanza e l’ufficio Informazione hanno la situazione della somma di denaro che si sta gestendo.

E se non fornisce le ricevute, come può provare le spese?

Il fatto è che tutto il denaro in entrata deve avere una ricevuta perché se un fratello solidale viene a dare una donazione, questa deve essere accompagnata da una ricevuta, perché anche lui la deve poi consegnare al suo collettivo o alla sua organizzazione. Quindi, la copia di questa ricevuta resta alla Giunta e all’ufficio Informazione, per questo non ci sono falle nel denaro in entrata. E le uscite le gestisce la Giunta attraverso la commissione che ora sta facendo la pratica per consegnare i conti.

-*-

(Continua…)

In fede.

Dalle montagne del Sudest Messicano

Subcomandante Insurgente Marcos

Messico, Marzo 2013

http://enlacezapatista.ezln.org.mx/2013/03/04/ellos-y-nosotros-vii-ls-mas-pequens-5-la-paga/

———————————————————————————————————-

Zapatista” del gruppo Louis Lingg and the Bombs, di Parigi, Francia. Rock Punk Anarchico. Il pezzo è nel disco “Long Live The Anarchist Revolutionairies”. Prendono il nome da Louis Ling, nato in Germania ed emigrato negli Stati Uniti alla fine del secolo XIX (1885), condannato alla forza, Louis dichiarò ai rappresentanti della legge capitalista: “Vi disprezzo; disprezzo il vostro ordine, le vostre leggi, la vostra forza, la vostra autorità. IMPICCATEMI!”. Dedicato a tutt@ le/i compas anarchici della Sexta. http://www.youtube.com/watch?v=XkJ73JBlcRc&feature=player_embedded

Il gruppo Zamandoque Tarahum, da Chicago, Illinois, USA, con questo rock dal titolo “Zapatista”. http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=AgO1_8IZAz4

Dal Sudafrica, il Movimento degli Abitanti delle Case di Cartone (Abahlali BaseMojondolo)che lotta per la terra e la casa, manda un saluto alle comunità indigene zapatiste tramite i nostr@ compas del Movimiento por Justicia del Barrio, nell’altra New York, USA. La resistenza e la ribellione affraternano Messico-Stati Uniti-Sudafrica in basso e a sinistra. http://www.youtube.com/watch?v=TMmwS4ju1PU&feature=player_embedded

 

(Traduzione “Maribel” – Bergamo)

Read Full Post »

Ejido Tila.

La Jornada – Venerdì 1 marzo 2013

Gli indigeni chol di Tila esigono la fine del furto delle terre che dura da oltre 50 anni

HERMANN BELLINGHAUSEN. San Cristóbal de las Casas, Chis., 28 febbraio. Gli abitanti chol dell’ejido Tila, nella zona nord, hanno comunicato che nei prossimi giorni la Suprema Corte di Giustizia della Nazione (SCJN) dovrà risolvere il caso del loro territorio e sperano che finisca “il saccheggio e l’ingiustizia che subiamo da oltre 50 anni”. Esigono la “restituzione totale ed il pieno rispetto delle terre ejidali.

“Finalmente è giunto il momento in cui si deciderà sul rispetto della terra e del territorio dell’ejido”, sostengono gli indigeni, aderenti alla Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona e membri del Congresso Nazionale Indigeno.

“La presidenza municipale protetta dal governo dello stato, con un decreto illegale del 1980 ha venduto e si è appropriata delle nostre terre. La denuncia dice chiaramente che le terre appartengono all’ejido e che il decreto è illegale. Si volevano impadronire di 130 ettari, 52 occupati dal villaggio di Tila e 78 di terre coltivate. Vogliono privatizzare ed arricchirsi e proseguire nella loro azione di corruzione e furto nel nostro villaggio. Questa è la radice del problema e la sua ingiustizia”.

Gli ejidatari puntualizzano: “Colpevoli di questa malvagità e furto sono le persone appartenenti al gruppo paramilitare Paz y Justicia, che hanno portato violenza e massacri a Tila ed in altri municipi per assecondare i piani del governo federale contro l’EZLN” (1995-1998). Non solo “vivono nell’impunità”, ma “hanno sono dentro i partiti politici, il municipio ed altri enti del governo” e la presidenza “ha ingaggiato ex soldati che fanno le spie”.

L’amministrazione municipale “rappresenta la menzogna e la falsità”, quando sostiene che “non può consegnare le terre perché già vendute illegalmente, e che se la SCJN ci restituisce le terre, ‘siccome siamo indigeni distruggeremo le case, faremo scappare gli abitanti e genereremo conflitto sociale’. Mentono, affinché la corte non ci restituisca le terre. Mentono, perché a vivere nel villaggio sono in maggioranza le nostre stesse famiglie, anche se altra gente è venuta da fuori”. Ora si deciderà sul fatto che non vogliono rispettare il ricorso presentato nel 1982, contro il decreto di esproprio del 1980, che abbiamo vinto nel 2008; un secondo tentativo di esproprio, perché il primo tentativo è del 1966.

“Noi chol abbiamo fondato il villaggio di Tila. Questa terra appartiene legittimamente al nostro popolo; da tempi immemorabili era abitato dai nostri nonni e nonne. Prima che questo fosse territorio messicano. Abbiamo subito la colonizzazione, l’invasione e la dominazione. Abbiamo visto nascere questo paese e siamo stati spogliati e sfruttati dai proprietari terrieri alla fine del 1800 per colpa del malgoverno che consegnò le nostre terre ad impresari stranieri.

“Grazie alla rivoluzione di Emiliano Zapata abbiamo potuto legalizzare le nostre terre, perché i padroni delle fincas erano scappati. La risoluzione presidenziale del 1934 dice chiaramente che abbiamo il possesso delle terre, che non fu una donazione, ma riconoscimento del possesso”.

Gli indigeni hanno confermato con verbali d’assemblea che “riconoscono il diritto di tutti, indigeni e non indigeni, come abitanti, ma è su proprietà ejidale che vivono, e non privata, come per anni ha detto, ingannando, il municipio”. L’assemblea generale ha amministrato queste terre secondo i nostri usi e costumi; abbiamo donato la terra per scuole e servizi; amministriamo il parco centrale, il cimitero, l’acqua, il commercio, le feste e ci prendiamo cura dei luoghi sacri”.

La SCJN “dimostrerà se la sua sentenza sarà a favore dell’illegalità e l’impunità, o se ordinerà la piena restituzione delle terre all’ejido e rispetterà la Legge Agraria, il nostro ricorso ed i trattati internazionali” in materia. http://www.jornada.unam.mx/2013/03/01/politica/021n1pol

(Traduzione “Maribel” – Bergamo)

Read Full Post »

« Newer Posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: